Specialmente Paris Combo

Bilbao. Bar Burton, una birretta e sigaretta. Nel disattento vivere il venerdì con taccuino alla mano, mentre Fernando il barista serve una ciotola d’acqua ad un altro cane, rifletto sulla parola speciale e ciò che lo è.

Bene. Assorto nei miei pensieri quasi non mi accorgo di ciò che ascolto. Questa volta è il computer che suona, non il cantautore con chitarra e armonica a bocca. Questa volta di speciale è la musica, la musica dei Paris Combo. Il francese attira la mia attenzione, mi prende per mano e mi fa conoscere i vari strumenti che si alternano nella loro armonica aritmia di sensazioni. La voce suadente della cantante mi coinvolge definitivamente e mi decido a chiedere il nome di questo gruppo. Immediatamente l’idea è all’indomani e al post che sto scrivendo.

Buon ascolto!

Annunci